LIBERTÉ

BLOG - by Sandy

L'Indulgenza Plenaria di Papa Francesco

27 Marzo 2020, Edoardo Bersano

CITTÀ DEL VATICANO Papa Francesco per scongiurare una risoluzione tempestiva dell'epidemia creata dal nuovo coronavirus al Signore ha tenuto una straordinaria celebrazione in Piazza San Pietro, nella città del Vaticano.
Immagine allegata all'articolo

Papa Francesco ha appena tenuto in Piazza San Pietro, proprio davanti alla Basilica omonima nella città del Vaticano, una celebrazione straordinaria di preghiera che, come precedentemente richiesto, è stata trasmessa in mondovisione. Dopo la lettura cantata, suppongo per dimostrare vicinanza alla Chiesa Ortodossa, di un passo del Vangelo secondo Marco (4, 35-41), il Papa ha osservato come effettivamente ci troviamo tutti su una stessa barca ove dobbiamo scegliere "che cosa conta e che cosa passa", dove dobbiamo ricordarci sia come tutti dobbiamo attivarci per sconfiggere in prima linea questa epidemia ma anche come bisogna non dimenticare che i veri eroi di oggi, ovvero coloro che faran sì che possiamo voltare pagina, non vanno in prima pagina sul giornale. Tra questi troviamo infatti i "Medici, infermiere e infermieri, addetti dei supermercati, addetti alla pulizia, badanti, trasportatori, forze dell'ordine, volontari, sacerdoti, religiosi e tanti ma tanti altri che hanno compreso che nessuno si salva da solo". Ha concluso il suo discorso con una piccola riflessione su come si viveva nel mondo prima dell'epidemia: "pensavamo di poter essere quasi onnipotenti, avevam sbagliato" conclude citando qualche passo della lettura precedente per poi pregare alla Madonna, affinché faccia intercessione, e baciare e invocare la protezione dell'ormai famoso "crocifisso miracoloso", considerato così dai romani poiché avrebbe salvato la città dalla peste del '500. Il Pontefice è poi entrato nel nartece della Basilica di San Pietro, si son sentite varie formule di rito quale invocazione e risposta come le preghiere dei fedeli per poi proseguire con l'arrivo dell'ostensorio dorato della Basilica. Completamente in silenzio, il Papa si è alzato, ha preso l'Ostensorio dorato ed è uscito sotto i portici della Basilica per poi donare urbi et orbi l'indulgenza plenaria, con il solo suono delle campane a festa. È stato un momento pieno di Pathos e sentimento, terminato poi con la fine della stra-ordinaria celebrazione della durata di circa 1h.
Non penso sarà facile dimenticarsi l'immagine del Papa che, leggermente reclinato su sé stesso, zoppica anche dal peso dell'ostensorio, poi riportato all'interno della più importante Chiesa al mondo.
Sandy